Zoned Storage

Capacità superiori, costo totale di proprietà più basso e qualità del servizio più alta

La crescente domanda legata alle capacità di storage dei data center

I volumi dei dati generati da aziende, macchine e contenuti creati dai consumatori continuano ad alimentare la domanda di capacità di storage da parte dei data center su scala petabyte, exabyte e persino zettabyte. Oggi, le infrastrutture di dati a larga scala utilizzano già decine di migliaia di SSD e HDD. Gestire l’enorme mole di dati a costi contenuti sta diventando velocemente un requisito.

I vantaggi dello zoned storage per i data center

Zoned Storage è un’iniziativa open source e basata su standard che offre ai data center una scalabilità efficiente, in previsione dell’era degli zettabyte di capacità di storage. Sono due le tecnologie alla base dello zoned storage: la Shingled Magnetic Recording (SMR) negli HDD e gli Zoned Namespaces (ZNS) nelle SSD.

I dispositivi zoned storage, come le SSD ZNS, vengono suddivisi in zone, semplificando notevolmente l’architettura dell’unità e riducendo al minimo la necessità di una gestione complessa dei dati. Con uno stack di software unificato, l’host è in grado di posizionare in maniera intelligente i dati in diverse zone, il che comporta dei vantaggi fondamentali:

Capacità superiori

Densità e scalabilità maggiori poiché l’over-provisioning non è praticamente necessario

Costi ridotti

I requisiti della DRAM e le funzioni logiche di supporto vengono significativamente ridotti

Qualità del servizio più elevata

Con una necessità minima di garbage collection, il controller del dispositivo può rispondere più rapidamente

Resistenza superiore

Poiché i dati non vengono riscritti di continuo, il livello di resistenza aumenta

L’implementazione dello zoned storage sull’host permette al software e all’hardware di sistema di collaborare più efficientemente, eliminando i molteplici livelli (duplicati) di indirizzamento indiretto per la mappatura da logica a fisica tra host e controller SSD e file system sul dispositivo. La tecnologia ZNS riduce inoltre la necessità dell’over-provisioning ed elimina le problematiche riguardanti l’amplificazione della scrittura e la variabilità della qualità del servizio. In breve, la tecnologia ZNS intende risolvere i problemi legati alla scalabilità, alla qualità del servizio e al costo totale di proprietà che rappresentano un ostacolo per le tradizionali SSD.

Lo zoned storage permette di raggiungere una scalabilità conveniente nell’era degli zettabyte

Lo zoned storage è rappresentato dalla tecnologia SMR per gli HDD e ZNS per le SSD. Zoned Named Spaces è un’estensione dello standard NVMe™. Questa tecnologia ci permette di realizzare SSD suddivise in zone simili agli HDD SMR, consentendo allo storage di HDD ed SSD di essere visualizzato come una tecnologia singola. Lo zoned storage sfrutta entrambe le tecnologie SMR e ZNS, oltre agli standard open source, per migliorare la scalabilità dei data center.

Grazie alla piattaforma software unificata, i dati possono essere posizionati in modo intelligente sia sugli HDD SMR che sulle SSD ZNS per aumentare la capacità di storage, ridurre il costo totale di gestione e migliorare la qualità del servizio. Con lo zoned storage, i data center e i fornitori di servizi cloud possono raggiungere una scalabilità più conveniente per l’era degli zettabyte.

Tradizionale

Il dispositivo controlla il posizionamento dei dati

A zone

Le applicazioni controllano il posizionamento dei dati in zone

Maggiori capacità tramite lo zoned storage

Articoli in evidenza

Evento

Unisciti al gruppo Meetup sulle soluzioni di storage

Il gruppo Meetup sulle soluzioni di storage illustra periodicamente i più recenti progressi sulle architetture di storage. Gli eventi si tengono sia da remoto che nella Bay area.

Ulteriori informazioni

Blog

Ratifica dello standard ZNS

Scopri di più sullo standard zoned storage ZNS, ratificato dal gruppo NVMe.

Ulteriori informazioni

Video

Introduzione allo zoned storage

Scopri in che modo lo zoned storage permette ai data center di raggiungere la scalabilità, migliorare la qualità del servizio e ridurre il costo totale di proprietà. Vengono presentate le tecnologie che sono alla base dello zoned storage: Shingled Magnetic Recording (SMR) negli HDD e Zoned Namespaces (ZNS) nelle SSD.

Ulteriori informazioni

Video

ZNS: Evitare la tassa sull’interfaccia a blocchi per le SSD basate su Flash

Scopri in che modo i dispositivi Zoned Namespaces rappresentano una nuova divisione di funzionalità tra host e SSD che, una volta adottata, consente prestazioni più elevate e un costo per byte inferiore.

Ulteriori informazioni

Dichiarazioni previsionali
La presente pagina web può contenere dichiarazioni previsionali, comprese, a titolo esemplificativo, dichiarazioni riguardanti il nostro portfolio di prodotti e tecnologie, le capacità, funzionalità, applicazioni e i mercati dei nostri prodotti, le strategie e opportunità di crescita, nonché le tendenze del mercato. Tali dichiarazioni previsionali sono soggette a rischi e incertezze che potrebbero far sì che i risultati effettivi si discostino significativamente da quelli previsti, espressamente o implicitamente, dalle stesse dichiarazioni. I rischi e le incertezze vengono trattati in maniera più approfondita all’interno dei documenti Western Digital Corporation depositati presso la Securities and Exchange Commission, che comprendono anche l’ultima relazione periodica recentemente archiviata, sulla quale si richiama l’attenzione dei lettori. I lettori sono invitati a non fare eccessivo affidamento su tali dichiarazioni a carattere previsionale. Non ci assumiamo alcun obbligo di aggiornare tali dichiarazioni affinché rispecchino eventi o circostanze avvenuti in seguito, salvo nei casi previsti dalla legge.

Informazioni
1. Fonte 1: What is Zoned Storage and Why Does it Matter, William G. Wong (Electronic Design, 9/20/2020)
2. Fonte 2: The Next Step in SSD Evolution: NVMe Zoned Namespaces Explained, Billy Tallis (AnandTech.com, 8/6/2020)